Dio rispetta ognuno dei suoi figli. Quando chiama Giuseppe ad essere il padre di Gesù, non gli affida un ruolo di rappresentanza. Al contrario, attende che Giuseppe sia pienamente padre e persino che diventi modello di ogni paternità. In effetti, Dio si fa riconoscere in quanto imita i padri umani: “il tuo Dio ti ha portato come un uomo porta suo figlio” (Dt 1, 31).

La missione fondamentale di ogni padre, soprattutto di san Giuseppe, è rendere il paragone possibile. Il Padre eterno si presenta in questo modo al bambino Gesù – e a ciascuno di noi: “Io sono colui che somiglia a san Giuseppe”.