Non mancano immagini raffiguranti Gesù accanto al banco da lavoro paterno. I grandi occhi curiosi del bambino scoprono in ogni gesto di Giuseppe l’amore per il bel lavoro e lo zelo per la costruzione del Regno. San Giuseppe, in effetti, non ha solo trasmesso a suo figlio l’arte della carpenteria, ma soprattutto le disposizioni del cuore con le quali “il Signore tuo Dio ti benedirà in ogni lavoro a cui avrai messo mano.” (Dt 14, 29)

È così che Gesù, carpentiere, figlio di carpentiere, rivela la sua identità rappresentandosi come pastore, vignaiolo, medico, seminatore e paragona l’apostolato dei suoi discepoli al lavoro dei mietitori e dei pescatori.

San Giuseppe, fai di me un artigiano del Regno!