O San Giuseppe, Patrono della Chiesa, voi che accanto al Verbo fatto carne, avete lavarato ogni giorno per guadagnare (il pane), traendo da lui la forza di vivere e di soffrire; voi che avete provato l’angoscia dell’indomani, l’amarezza della povertà, la precarietà del lavoro, voi che siete l’esempio fulgido della vostra persona, umile davanti agli uomini, ma grandissimo davanti a Dio, custodite l’immensa famiglia che vi è affidata. Benedicete la Chiesa. Sostenetela sempre più sulla via della fedeltà evangelica.

Proteggete i lavoratori nella loro dura esistenza quotidiana, impeditegli di cadere nello scoraggiamento, le rivolte negative, come nelle tentazioni del piacere.
Pregate per i poveri, che proseguono sulla terra la miseria del Cristo, promovuendo continuamente in loro favore l’aiuto provvidenziale dei loro fratelli meglio provvisti.
E mantenete la pace nel mondo, questa pace che sola può garantire lo sviluppo dei popoli ed il pieno sbocciare delle speranze umane. Per il bene dell’umanità, per la missione della Chiesa, per la gloria della Santissima Trinità.

Così sia.