Boutique

Plus de 500 titres

Carterie

Artisanat monastique

Pensiero 139

Il bambino Gesù, piegato in avanti, attento, disegnava dolcemente le lettere una dopo l’altra. Giuseppe, vicino a lui, guidava l’esercizio. Gesù scriveva seriamente. Giuseppe ricordava la dignità del momento. Un comandamento prescrive, in effetti, che il giovane erede della casa regale scriva « per se stesso, su un libro, una copia della Legge » (Dt 17, 18)

Giuseppe contemplava i comandamenti apparire poco a poco sul libro di Gesù e ricordava che Mosè, a suo tempo, era stato testimone dello stesso spettacolo di Dio scrivano : « la scrittura era la scrittura di Dio, incisa sulle tavole » (Es 32, 16)

Giuseppe che insegni a Gesù come scrivere, san Giuseppe che inviti il Verbo alla Scrittura vivente, ti preghiamo, ricorda a Dio la sua promessa di scrivere ormai nel nostro più intimo : « inciderò la mia Legge nei loro cuori » (Gv 31, 33) poiché Gesù è re delle nostre vite.

Précédent

Suivant