Boutique

Plus de 500 titres

Carterie

Artisanat monastique

Pensiero 119

L’Ascensione è un grande mistero che facilmente è considerato come una salita, una ascensione corporale. San Paolo, invece, dice che la nostra vita è “ormai nascosta con Cristo in Dio” (Col 3, 3). Bisogna comprendere, così, che il Cristo realizza la sua promessa di renderci uno con lui (Cfr. Gv 17, 21) e di unirci perché siamo perfetti nell’unità (Cfr. Gv 17, 23). Sembra, quindi, che la sua ascensione corporale sia anche la sua discesa spirituale. Gesù si eleva perché l’uomo acceda alla sua profondità. L’assunzione della nostra natura in Dio apre alla presenza di Dio in noi e in mezzo a noi.

Non è questo quello che Gesù annunciava quando nella casa poneva un bambino in mezzo ai discepoli sconcertati (Cfr. Mc 9, 36)? Non è questo quello che il Risuscitato rivelava quando apparve in mezzo agli apostoli spaventati (Cfr. Gv 20, 19)? “Perché state a guardare il cielo?” (At 1, 11). Lui è tra Maria e Giuseppe, in mezzo ad essi.

Précédent

Suivant