Boutique

Plus de 500 titres

Carterie

Artisanat monastique

Pensiero 102

“Germoglio di ceppo fecondo è Giuseppe; germoglio di ceppo fecondo presso una fonte” (Gn 49, 22).

Nel momento di benedire i suoi figli, Giacobbe vedeva Giuseppe crescere e prosperare. Anche la Chiesa vede compiersi questa profezia in san Giuseppe. Questa piantina vigorosa della vigna del Signore cresceva piegando la sua natura alle esigenze divine. Si fortificava nutrendo la sua anima solo alle acque pure dello Spirito. Mentre tanti ricercano la loro pienezza, resistendo alla potatura, pretendendo di toccare il cielo con i loro fragili rami, Giuseppe di Nazareth, piedi ben posati per terra, si lasciava sfrondare dal vignaiolo. Abbandonato alla volontà di Dio non desiderava altro.

San Giuseppe ci insegna che ogni nostro frutto nasce dalla sorgente, dalla potatura e dall’abbandono.

Précédent

Suivant