Boutique

Plus de 500 titres

Carterie

Artisanat monastique

Pensiero 84

“L’uomo si alzò e lo seguì” (Mt 9,9).

Chi può dire di essere felice? Bisognerebbe essere liberi per esserlo. Noi alimentiamo una tristezza per le mancate felicità, un’amarezza per gioie che non arriveranno. Questo languore non è appannaggio dei cuori malinconici, ma dei peccatori, troppo attaccati alle gioie terrene che non vivono abbastanza le gioie celesti.

San Giuseppe è l’esempio della felicità semplice che consiste nel ricevere il dono di Dio qui e ora. Lui non ha rimpianto la vita che aveva progettato con Maria. Avrebbe potuto esigere delle agevolazioni per assicurare l’avvenire di Gesù, ma si è accontentato di aver fiducia in Dio. Nella sua spoliazione, san Giuseppe ci insegna che non si possono possedere certe cose se non le si riceve e che non le si può ricevere se non vi si rinuncia.

San Giuseppe è stato felice.

Précédent

Suivant