I “misteri gaudiosi”… è presto detto. La gioia del ritrovamento al Tempio, probabilmente ma con la desolazione della separazione: “perché ci hai fatto questo?” (Lc 2,48). “Perché mi cercavate?” (Lc 2,49): certamente la gioia di essere riuniti ma con lo strazio dell’incomprensione.

Le sofferenze del Cristo non si limitano al Getsemani. Il potente movimento di fondo, il desiderio incontenibile di essere con suo padre, non allontanavano Gesù dal vivere a Nazareth. “Era loro sottomesso” (Lc 2,51). Vicino a Maria e a Giuseppe Gesù ha imparato l’essenziale del suo combattimento: “non la mia, ma la tua volontà” (Lc 22,41).

San Giuseppe, noi ti affidiamo la nostra quaresima. È un cammino di gioia dove si entra con la cerimonia delle Ceneri. È il tempo del distacco da sé e dell’unione al Figlio. Insegnaci la rinuncia alla nostra volontà.

Write a comment:

Rispondi

Famille de Saint Joseph
Top ?
Suivez nous :